Editrice Clinamen

A zonzo per la Germania e per l'Italia

Autore Mary Shelley
Pagine 210
ISBN 9788884102874
DISPONIBILITA': 0 in magazzino

Stato: Non disponibile

€ 27,90

€ 26,51 (-5%)

In sintesi

Domenica, 12 giugno 1842: una signora di mezz'età, la cameriera, il figlio e un compagno di studi si imbarcano a Londra sul Wilberforce diretti ad Anversa. Partono per una vacanza che durerà tredici mesi e che li porterà in giro per l'Europa, ultima tappa Sorrento. La signora non è nuova a lunghi viaggi. La prima volta che lasciò l'Inghilterra aveva sedici anni, era incinta, ed era in fuga d'amore con un uomo sposato, Percy Bysshe Shelley. Due anni dopo, tra le foreste del Giura e sulle sponde del lago di Ginevra, darà alla luce quel Frankenstein che da due secoli sollecita la nostra immaginazione. Ad èesso vedova; madre affettuosa, si preoccupa di far fare una sorta di Grand Tour al figlio.
Parigi, agosto 1843: Ferdinando Gatteschi, mazziniano, è a caccia di una donna che, ammaliata dal suo bell'aspetto e dal suo eloquio, gli allunghi qualche franco. La vedova cade nella rete. Estate 1844: escono i Rambles, ultima opera di Mary Shelley, in cui, per raccogliere fondi a favore di Gatteschi, ella racconta del viaggio con il figlio e del suo amore per l'Italia.
Pressoché introvabili nella stessa Inghilterra e tradotti adesso per la prima volta in Italia, i Rambles in Germany and Italy rientrano nella tradizione della letteratura di viaggio al femminile. I Rambles si muovono su tre livelli: il reale percorso geografico, la riflessione storico-politica, i ricordi personali. Per Mary Shelley, come per tutte le donne che visitarono l'Italia nell'Ottocento, il nostro Paese divenne terra d'elezione il cui bisogno di indipendenza esse si sentivano chiamate a sostenere.