Guy Debord (Interno4 Edizioni) in libreria

Approda in libreria “Guy Debord. L’internazionale situazionista e la rivolta della gioia nel ’68″.

Il saggio di Pino Bertelli sul cinema sovversivo di Guy Debord, l’Internazionale Situazionista, la rivolta della gioia delle giovani generazioni nel Maggio ’68 è un pamphlet insolente, velenoso, anarchico che ripercorre cinquant’anni di storia (non solo italiana) fuori dalle dossologie sociologiche e dalle euforie politiche. È una requisitoria contro le forze dominanti della società spettacolare e della servitù volontaria che sostiene la perpetrazione di genocidi, terrorismi, colonizzazioni da parte dei governi forti, e permette ai ricchi di diventare più feroci e ricchi, e ai poveri di essere sempre più vessati e impoveriti. “Ogni libertà autentica implica la rovina di qualsiasi stato, politica, cultura come somma d’inutilità. Il divenire rivoluzionario degli uomini liberi sta nella nascita di nuove cartografie dell’esistenza perchè l’umanesimo dei diritti dell’uomo agisce sui principi di bellezza, libertà, uguaglianza, fraternità, solidarietà, accoglienza, condivisione e respinge la povertà, la fame, la guerra, l’impoverimento e l’infeudamento delle masse, inventa nuove possibilità di esistenza e passa dalla resistenza all’insubordinazione. L’avvenire rivoluzionario nella storia è il divenire rivoluzionario dell’uomo in rivolta che abbatte l’oppressione e cancella l’intollerabile. Né dèi né padroni”.

Pino Bertelli è uno dei punti centrali del neosituazionismo italiano. Attivo da anni nella critica cinematografica indipendente, è anche fotografo di strada. Per NdA Pres ha pubblicato: Cinema dell’eresia. Gli incendiari dell’immaginario (2005), il saggio su Diane Arbus Della fotografia trasgressiva (2006), Tina Modotti (2008, seconda edizione economica 2016), La fotografia ribelle (2017) e insieme ad Ando Gilardi, Dio non esiste la fotografia sì! (2012).

Vai alla scheda del libro: http://libri.goodfellas.it/guy-debord.html