Libri di Interno4 Edizioni

Articoli da 31 a 34 di 34 in totale

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4

Griglia  Lista 

Imposta Ordine Discendente
  1. Facce da Milan n.e.

    Facce da Milan n.e.

    € 16,00

    € 15,20 (-5%)

    A tre anni dalla prima fortunata edizione ritorna in libreria, con nuova veste grafica e molti capitoli inediti, l’esordio editoriale del gruppo ComunqueMilan: Facce da Milan, il libro che non può mancare nella libreria di ogni tifoso milanista e degli amanti della buona letteratura sportiva in genere. Kilpin, Liedholm, Rocco, Rivera, Maldini, Baresi, Gullit, Van Basten. Rizzoli, Farina, Berlusconi, San Siro, L’Assassino. L’Ultimo Imperatore, Diego Abatantuono, Ugo Tognazzi. Andriy Shevchenko, Zlatan Ibrahimovic, Gigio Donnarumma, Stefano Pioli, ma anche, e soprattutto, Enzo Jannacci e Beppe Viola. Questi, insieme ad altri tanti protagonisti, compongono la grande galleria di ritratti presentati in questa seconda edizione del libro arricchita da quindici capitoli inediti: quattordici facce e quindici faccine da Milan. Un percorso unico e originale nella storia di una delle squadre più popolari della Storia calcistica mondiale. Una storia che si intreccia a doppio filo con la Storia della città di Milano e con le storie di tanti tifosi, illustri o meno. Un’eccezionale antologia di volti e personaggi, descritti dalla penna arguta del Conte Fiele, Ilaria Calamandrei, David L. Lucardi, Paolo Madeddu, Giuseppe Pastore, Leonardo Pinto e Andrea Saronni, ovvero gli animatori del sito ComunqueMilan. Introduzione di Giorgio Terruzzi. «Quando io e Beppe Viola eravamo piccoli e non sapevamo leggere né scrivere, lui fingeva di leggere la “Gazzetta dello Sport”. La teneva storta e io gli chiedevo cosa c’era scritto. E lui diceva: c’è scritto che bisogna andare a vedere il Milan.» (Enzo Jannacci) Approfondisci
  2. E voi state bene?

    E voi state bene?

    € 14,00

    € 13,30 (-5%)

    E voi state bene? È un diario scritto in presa diretta dalla trincea della Milano migliore. Quella parte di città che nell’anno orribile della pandemia, scatenatasi a causa della diffusione del virus Covid-19, ha visto la capitale economica d’Italia epicentro del contagio mondiale prima e italiano poi, lungo tutto il 2020. In un contesto di grave disorganizzazione e inadeguatezza politica, nella desolazione urbana che nessuno scenario post-apocalittico aveva ancora immaginato, decine di giovani si sono organizzati sfidando paure, pregiudizi e difficoltà pratiche. Hanno dato vita a un’eccezionale catena di solidarietà orizzontale, che ha mostrato il lato migliore – e forse inedito – di quella metropoli che, da modello di produttività e crescita economica, si è risvegliata di colpo fragile e precaria. Questo libro è la storia di una volontaria. Il diario intenso di una ragazza di ventisei anni che ha avuto il coraggio di raccontarci una vicenda straordinaria che non va dimenticata. Una storia privata che diventa collettiva, in cui una generazione precaria e abbandonata diventa protagonista di una delle pagine più tragiche e straordinarie che la nostra storia recente ricordi. Una storia che viene scandita dalle date di un diario e cresce giorno per giorno, emozione per emozione, tingendosi di disperazione, speranza, rabbia e determinazione, arrivando fino ai nostri giorni, prefigurando scenari e futuro di questa eccezionale esperienza non ancora terminata. Approfondisci
  3. Dal lavoro alla cura

    Dal lavoro alla cura

    € 9,00

    € 8,55 (-5%)

    È la cooperazione che precede lo scambio, cioè il mercato, e lo rende possibile. Il mito dell’homo economicus è nato dalla separazione di natura e cultura che nell’era moderna, cioè con il capitalismo, ha contrapposto la potenza trasformatrice all’inerzia di tutto ciò che non è soggetto, spirito, dominio: il mondo inanimato ma anche le donne, considerate incapaci di distaccarsi dalla natura, i popoli “selvaggi”, le masse popolari, i lavoratori. Il lavoro è sempre stato vissuto e considerato come una condanna e confinato a una condizione servile. La dignità del lavoro, rivendicata dal movimento operaio, non è che il frutto di uno slittamento semantico: si dice lavoro, ma si parla di lavoratori e lavoratrici, persone. Non c’è alcuna dignità nel rivendicare il lavoro che produce degrado, inquinamento, malattie. La dignità del lavoro è solo quella che produce benessere per gli esseri umani, il vivente, l’ambiente, cioè il lavoro di cura. Chiudere con l’antropocentrismo, rimettere al centro il rapporto tra l’essere umano e il suo mondo significa riscoprire la natura dentro e fuori di noi. Leggi la scheda
    Leggi l'estratto Approfondisci
  4. In Piazza. Rabbia e passione

    In Piazza. Rabbia e passione

    € 19,00

    € 18,05 (-5%)

    Come siamo cambiati? Come è cambiato il nostro modo di protestare e stare in piazza dagli anni ‘70 ad oggi? Attraverso una galleria di immagini, selezionate dal vasto archivio del fotografo milanese Dino Fracchia ripercorriamo i grandi movimenti che hanno caratterizzato le proteste degli ultimi cinquant’anni d’italia alla ricerca del filo rosso che unisce più di una generazione sotto le bandiere della protesta, alla ricerca di un mondo migliore. Più di cento fotografie, quasi cinquant’anni di piazza dagli anni’70 ai giorni della pandemia. Anni ’70: Operaie e operai; Il movimento; Le femministe; I festival giovanili. Anni ’80: Studenti, punk, autonomi e il movimento antinucleare. Anni ’90: I centri sociali. Genova 2001: il G8 e il Genoa Social forum. Anni 2000: Non una di meno; Fridays for future. 2020-2021: La pandemia da coronavirus, torneremo più in piazza? Con i contributi scritti di: Vittorio Agnoletto, Carlotta Cossutta, Sandrone Dazieri, Erri De Luca, Federico Dragogna, Patrizio Fariselli, Vicky Franzinetti, Manuela Fugenzi, Sergio Marchese, Giorgio Oldrini, Xina Veronese. Approfondisci

Articoli da 31 a 34 di 34 in totale

per pagina
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4

Griglia  Lista 

Imposta Ordine Discendente