Carta Bianca

CISA mezzadri, metalmezzadri, metalmeccanici

Quando lavorare alla CISA era una buona opportunità

Autore SPI-CGIL Faenza
ISBN 9788897550518
DISPONIBILITA': 0 in magazzino

Stato: Non disponibile

€ 15,00

€ 12,75 (-15%)

In sintesi

Nel dopoguerra il territorio di Faenza ha visto un notevole sviluppo industriale, in particolare nel settore metalmeccanico: la fabbrica che maggiormente ha simbolizzato questo fenomeno è stata sicuramente la Cisa, che è presto diventata leader nazionale ed internazionale nella progettazione e costruzione di serrature e sistemi di sicurezza. Questo libro raccoglie diverse storie di vita e di lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori della Fabbrica di Faenza, si tratta spesso di appartenenti a famiglie mezzadrili che entravano gradualmente in fabbrica, modificando radicalmente il proprio modo di lavorare e di produrre, ma che mantenevano, almeno inizialmente, l'appartenenza alla famiglia mezzadrile. Il progetto ha inteso indagare "dal di dentro", attraverso il racconto di chi l'ha vissuto, il significato che questo mutamento ha avuto per la realtà socio economica del territorio, come ha cambiato il modo di vivere dei protagonisti, con quali conseguenze, quale maturazione personale, come sono cambiati i rapporti sociali, come hanno affrontato l'impatto con la nuova realtà lavorativa, quale è stato il rapporto con i sindacati.

Dettagli

Nel dopoguerra il territorio di Faenza ha visto un notevole sviluppo industriale, in particolare nel settore metalmeccanico: la fabbrica che maggiormente ha simbolizzato questo fenomeno è stata sicuramente la Cisa, che è presto diventata leader nazionale ed internazionale nella progettazione e costruzione di serrature e sistemi di sicurezza. Questo libro raccoglie diverse storie di vita e di lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori della Fabbrica di Faenza, si tratta spesso di appartenenti a famiglie mezzadrili che entravano gradualmente in fabbrica, modificando radicalmente il proprio modo di lavorare e di produrre, ma che mantenevano, almeno inizialmente, l'appartenenza alla famiglia mezzadrile. Il progetto ha inteso indagare "dal di dentro", attraverso il racconto di chi l'ha vissuto, il significato che questo mutamento ha avuto per la realtà socio economica del territorio, come ha cambiato il modo di vivere dei protagonisti, con quali conseguenze, quale maturazione personale, come sono cambiati i rapporti sociali, come hanno affrontato l'impatto con la nuova realtà lavorativa, quale è stato il rapporto con i sindacati.