Ledizioni

Didattica della biologia

Autore C. Longo
Pagine 262
ISBN 9788867051601
DISPONIBILITA': 0 in magazzino

Stato: Non disponibile

€ 18,00

€ 15,30 (-15%)

In sintesi

Perché due individui appartengono a una sola e medesima specie solo se danno luogo a ibridi fecondi? Come fa l’intestino a “sapere” quale parte degli alimenti deve essere assorbita e quale scartata? Quali conoscenze di base sono necessarie per comprendere gli schemi usati per spiegare i risultati di un semplice incrocio Aa x Aa? Mettendo a fuoco le principali difficoltà incontrate dai ragazzi per capire concetti importanti come questi, il presente volume intende rispondere a una domanda fondamentale: come insegnare biologia ai ragazzi tra i 9 e i 16 anni? Con quali contenuti? Invece che proporre “ricette” preconfezionate, l’autore vuole stimolare gli insegnanti a una riflessione personale, soffermandosi sui contenuti disciplinari, sui molteplici obiettivi che ci si può porre insegnando biologia e sui caratteri distintivi di questa disciplina rispetto alla fisica. All’insegnante vengono offerti, in un linguaggio piano che vuole sfuggire all’astrattezza tipica di molte trattazioni pedagogiche, numerosi spunti che danno vita alle svariate attività pratiche qui illustrate, anch’esse suscettibilli di ulteriori elaborazioni personali. Sul piano metodologico vengono affrontate importanti questioni come quelle relative alla funzione e all’uso del laboratorio, ai rapporti fra scienze e matematica

Dettagli

Perché due individui appartengono a una sola e medesima specie solo se danno luogo a ibridi fecondi? Come fa l’intestino a “sapere” quale parte degli alimenti deve essere assorbita e quale scartata? Quali conoscenze di base sono necessarie per comprendere gli schemi usati per spiegare i risultati di un semplice incrocio Aa x Aa? Mettendo a fuoco le principali difficoltà incontrate dai ragazzi per capire concetti importanti come questi, il presente volume intende rispondere a una domanda fondamentale: come insegnare biologia ai ragazzi tra i 9 e i 16 anni? Con quali contenuti? Invece che proporre “ricette” preconfezionate, l’autore vuole stimolare gli insegnanti a una riflessione personale, soffermandosi sui contenuti disciplinari, sui molteplici obiettivi che ci si può porre insegnando biologia e sui caratteri distintivi di questa disciplina rispetto alla fisica. All’insegnante vengono offerti, in un linguaggio piano che vuole sfuggire all’astrattezza tipica di molte trattazioni pedagogiche, numerosi spunti che danno vita alle svariate attività pratiche qui illustrate, anch’esse suscettibilli di ulteriori elaborazioni personali. Sul piano metodologico vengono affrontate importanti questioni come quelle relative alla funzione e all’uso del laboratorio, ai rapporti fra scienze e matematica