Orme editori

Guida alla grande cucina

Autore Auguste Escoffier
ISBN 9788867100071
DISPONIBILITA': 0 in magazzino

Stato: Non disponibile

€ 60,00

€ 51,00 (-15%)

In sintesi

Auguste Escoffier è stato il più celebre degli chef francesi, l’uomo che ha modernizzato e codificato la cucina transalpina, trasformando la Francia nella patria della gastronomia mondiale. Il suo talento rivoluzionario sta nell’aver capito il ruolo che la scienza avrebbe giocato nell’arte culinaria, un’arte che avrebbe dovuto sforzarsi di cercare sempre di più la semplicità e la genuinità degli ingredienti, evitando inutili sofisticazioni. Ha realizzato una sintesi tra la passione rivoluzionaria ma un po’ delirante di Carême, la schiva operatività misticheggiante di Adolphe Dugléré e l’entusiasmo professionale e pubblicistico di Urbain Dubois, con un talento creativo e un senso dell’organizzazione abbastanza unici. Molte le sue ricette consegnate alla storia: Pesche Melba, Cosce di Ninfa Aurora (cosce di rana), Insalata Réjane, Mignonette di Quaglia Rachel. Guida alla Grande Cucina, battezzato con modestia da Escoffier “aide mémoire” (promemoria), contiene più di cinquemila “formule”, ricette che costituiscono a tutt’oggi la base dell’arte culinaria. Tutti i grandi cuochi della nostra epoca riconoscono in Escoffier il grande precursore, semplificatore e ordinatore di menu e ricette. Questa che presentiamo è l’unica traduzione integrale dell’opera realizzata in Italia, completamente revisionata da Marco Guarnaschelli Gotti che ne ha aggiornato termini, glossario e quantità in base alle contemporanee usanze professionali e impreziosita dalla prefazione di Gualtiero Marchesi, il fondatore della “nuova cucina italiana” e, a parere di molti, lo chef italiano più noto nel mondo.

Dettagli

Auguste Escoffier è stato il più celebre degli chef francesi, l’uomo che ha modernizzato e codificato la cucina transalpina, trasformando la Francia nella patria della gastronomia mondiale. Il suo talento rivoluzionario sta nell’aver capito il ruolo che la scienza avrebbe giocato nell’arte culinaria, un’arte che avrebbe dovuto sforzarsi di cercare sempre di più la semplicità e la genuinità degli ingredienti, evitando inutili sofisticazioni. Ha realizzato una sintesi tra la passione rivoluzionaria ma un po’ delirante di Carême, la schiva operatività misticheggiante di Adolphe Dugléré e l’entusiasmo professionale e pubblicistico di Urbain Dubois, con un talento creativo e un senso dell’organizzazione abbastanza unici. Molte le sue ricette consegnate alla storia: Pesche Melba, Cosce di Ninfa Aurora (cosce di rana), Insalata Réjane, Mignonette di Quaglia Rachel. Guida alla Grande Cucina, battezzato con modestia da Escoffier “aide mémoire” (promemoria), contiene più di cinquemila “formule”, ricette che costituiscono a tutt’oggi la base dell’arte culinaria. Tutti i grandi cuochi della nostra epoca riconoscono in Escoffier il grande precursore, semplificatore e ordinatore di menu e ricette. Questa che presentiamo è l’unica traduzione integrale dell’opera realizzata in Italia, completamente revisionata da Marco Guarnaschelli Gotti che ne ha aggiornato termini, glossario e quantità in base alle contemporanee usanze professionali e impreziosita dalla prefazione di Gualtiero Marchesi, il fondatore della “nuova cucina italiana” e, a parere di molti, lo chef italiano più noto nel mondo.

Biografia autore

Nato nel 1846 a Villeneuve, morto nel 1935 a Montecarlo è il più grande cuoco di tutti i tempi. Arrivò alla celebrità nel 1880 quando assunse la direzione delle cucine del Grand Hotel di Monaco, diretto da César Ritz. Iniziò così una straordinaria carriera che lo portò al Savoy di Londra, al Ritz di Parigi e al Carlton Hotel londinese, dove iniziò la redazione della Guide Culinaire. Ambasciatore della grande cucina francese, fu promosso Ufficiale della Legione d’Onore.