Elliot

Il grande uno rosso

Autore Samuel Fuller
ISBN 9788861928817
DISPONIBILITA': 2 in magazzino

Stato: Disponibile

€ 16,50

€ 14,03 (-15%)

O

In sintesi

Sam Fuller è stato un regista eccentrico e visionario, un gigante della filmografia indipendente. Il Grande Uno Rosso è il suo capolavoro, basato sugli anni che trascorse nella Prima Divisione di Fanteria dell’esercito USA durante la Seconda guerra mondiale. Ci sono voluti vent’anni per realizzare sia il romanzo che il film, la cui storia ha per protagonista una piccola squadra composta da cinque soldati che l’autore segue dagli aridi paesaggi del Nord Africa allo sbarco in Normandia, per arrivare alla fine del conflitto con l’ingresso delle truppe alleate in Germania e poi nel campo di concentramento di Falkenau, in Cecoslovacchia. Atroci momenti di sofferenza e brutalità si alternano a commoventi scene di compassione e altruismo, scandendo una narrazione dal ritmo avvincente che contribuisce a fare di questo romanzo un classico della letteratura di guerra e un manifesto contro la sua brutale inutilità.

Dettagli

Sam Fuller è stato un regista eccentrico e visionario, un gigante della filmografia indipendente. Il Grande Uno Rosso è il suo capolavoro, basato sugli anni che trascorse nella Prima Divisione di Fanteria dell’esercito USA durante la Seconda guerra mondiale. Ci sono voluti vent’anni per realizzare sia il romanzo che il film, la cui storia ha per protagonista una piccola squadra composta da cinque soldati che l’autore segue dagli aridi paesaggi del Nord Africa allo sbarco in Normandia, per arrivare alla fine del conflitto con l’ingresso delle truppe alleate in Germania e poi nel campo di concentramento di Falkenau, in Cecoslovacchia. Atroci momenti di sofferenza e brutalità si alternano a commoventi scene di compassione e altruismo, scandendo una narrazione dal ritmo avvincente che contribuisce a fare di questo romanzo un classico della letteratura di guerra e un manifesto contro la sua brutale inutilità.

Biografia autore

Samuel Fuller è nato a Worcester in Massachusetts nel 1911. A dodici anni fa lo strillone, poi si dedica al giornalismo. Viaggia di città in città sui treni merci, come un barbone. Nella Seconda guerra mondiale combatte in Africa settentrionale e in Europa, ricevendo numerose medaglie al valore. Ha scritto, prodotto e diretto ventinove film e scritto undici romanzi. La sua opera è rimasta sempre ai margini dello star system fino alla metà degli anni Sessanta, quando in Francia si iniziò a parlare di Fuller come di un maestro. A partire da Jean-Luc Godard, che lo volle interprete nel suo film Il bandito delle undici, registi come Scorsese, Wenders, Hopper, Tarantino e Jarmusch hanno riconosciuto in lui un imprescindibile punto di riferimento per il loro lavoro. È morto il 30 ottobre del 1997.