All Around

Il re è crudo

Guida semiseria agli usi bizzarri e alle sagre più strane d’Italia

Autore Il cercatore di perle
Pagine 128
ISBN 9788899332228
DISPONIBILITA': 5 in magazzino

Stato: Disponibile

€ 12,00

€ 10,20 (-15%)

O

In sintesi

Le differenze rendono più solida l’unità del nostro Paese. E nulla sa unire quanto il buon cibo e le usanze più radicate. In ogni Regione, Provincia e Comune d’Italia c’è una straordinaria varietà di usi e costumi, di tradizioni culinarie, di retaggi di una cultura antica e di miti, riti e superstizioni che ne arricchiscono il patrimonio e e accrescono il fascino agli occhi del turista curioso. Questa guida, in una NUOVA EDIZIONE AGGIORNATA, offre una panoramica delle più originali attrazioni culturali e culinarie - perché le prime si gustano meglio se accompagnate con le seconde - che si possono scoprire viaggiando alla ricerca dell’Italia meno conosciuta. Ogni località potrà così offrire ai visitatori il proprio prodotto di punta attraverso il quale dare la possibilità di scoprire tradizioni centenarie. A Matelica, nelle Marche, si può guadagnare la “patente da mattu” se si compiono sette giri di corsa attorno alla fontana ottagonale della piazza centrale del paese. Naturalmente, perché tutto sia regolare, l performance deve avvenire di fronte a un ufficiale designato dalla Pro Loco locale. Tutti gli anni a dicembre Saint Rhemi en Bosses, il piccolo paese dell’aostano patria del prosciutto Dop Jambon de Bosses, festeggia il suo prodotto più pregiato con la sagra “Il re è Crudo”; facile immaginare chi la farà da padrone sulla tavola. E non hanno nulla da invidiargli la “Festa della scruppella” di Monteroduni, la “Sagra del “Ranocchio” di Conselice o il “Panettone Party” che addolcisce l’agosto di Borbona.

Dettagli

Le differenze rendono più solida l’unità del nostro Paese. E nulla sa unire quanto il buon cibo e le usanze più radicate. In ogni Regione, Provincia e Comune d’Italia c’è una straordinaria varietà di usi e costumi, di tradizioni culinarie, di retaggi di una cultura antica e di miti, riti e superstizioni che ne arricchiscono il patrimonio e e accrescono il fascino agli occhi del turista curioso. Questa guida, in una NUOVA EDIZIONE AGGIORNATA, offre una panoramica delle più originali attrazioni culturali e culinarie - perché le prime si gustano meglio se accompagnate con le seconde - che si possono scoprire viaggiando alla ricerca dell’Italia meno conosciuta. Ogni località potrà così offrire ai visitatori il proprio prodotto di punta attraverso il quale dare la possibilità di scoprire tradizioni centenarie. A Matelica, nelle Marche, si può guadagnare la “patente da mattu” se si compiono sette giri di corsa attorno alla fontana ottagonale della piazza centrale del paese. Naturalmente, perché tutto sia regolare, l performance deve avvenire di fronte a un ufficiale designato dalla Pro Loco locale. Tutti gli anni a dicembre Saint Rhemi en Bosses, il piccolo paese dell’aostano patria del prosciutto Dop Jambon de Bosses, festeggia il suo prodotto più pregiato con la sagra “Il re è Crudo”; facile immaginare chi la farà da padrone sulla tavola. E non hanno nulla da invidiargli la “Festa della scruppella” di Monteroduni, la “Sagra del “Ranocchio” di Conselice o il “Panettone Party” che addolcisce l’agosto di Borbona.