Ipermedium Edizioni

La memoria di Sciascia

Autore Campbell Federico
ISBN 9788897647096
DISPONIBILITA': 0 in magazzino

Stato: Non disponibile

€ 14,50

€ 12,33 (-15%)

In sintesi

In questo originale volume, che si allontana dalla critica letteraria così come dall’esegesi, lo scrittore messicano Federico Campbell offre i risultati delle sue ricerche sull’opera di Leonardo Sciascia e sul suo universo di influenze letterarie, sul suo “sistema solare”. Grazie ad una peculiare prospettiva ispano-messicana e ad uno stile tagliente, appassionato e preciso, l’autore riflette su temi quali la memoria, il potere, la mafia, l’eredità araba e spagnola, l’Inquisizione, la “sicilitudine”, il dramma dell’identità. Ne scaturisce un suggestivo dialogo tra l’Italia, la Spagna ed il Messico; tra il passato ed il presente. Un libro scritto “a futura memoria (se la memoria ha un futuro)”.

Dettagli

In questo originale volume, che si allontana dalla critica letteraria così come dall’esegesi, lo scrittore messicano Federico Campbell offre i risultati delle sue ricerche sull’opera di Leonardo Sciascia e sul suo universo di influenze letterarie, sul suo “sistema solare”. Grazie ad una peculiare prospettiva ispano-messicana e ad uno stile tagliente, appassionato e preciso, l’autore riflette su temi quali la memoria, il potere, la mafia, l’eredità araba e spagnola, l’Inquisizione, la “sicilitudine”, il dramma dell’identità. Ne scaturisce un suggestivo dialogo tra l’Italia, la Spagna ed il Messico; tra il passato ed il presente. Un libro scritto “a futura memoria (se la memoria ha un futuro)”.

Biografia autore

Federico Campbell (Tijuana, Messico, 1941-2014), scrittore e giornalista, è autore di quattro romanzi – Todo lo de las focas, Pretexta o el cronista enmascarado, Transpeninsular e La clave Morse – e di numerosi saggi, quali Post scriptum triste, La invención del poder, La ficción de la memoria (su Juan Rulfo). Nel 2011, per Ipermedium libri, è comparso Padre e memoria, sua prima opera tradotta in italiano. Gianfranco Spadaccia (Roma, 1935) è stato uno dei protagonisti in Italia delle lotte per i diritti civili e per i diritti umani. Giornalista e uomo politico è stato uno dei fondatori del Partito Radicale, di cui è stato più volte segretario.