NFC

Madri... Voglio vederti danzare

Autore Antonia C. Scardicchio
ISBN 9788867260577
DISPONIBILITA': 5 in magazzino

Stato: Disponibile

€ 10,00

€ 8,50 (-15%)

O

In sintesi

“Madri è un piccolo gioiello. Semplice, delicato, intenso, profondo ed eccentrico. Proprio come la sua autrice.” Piero d’argento, consulente del welfare della regione puglia. Il racconto intenso e folgorante di una relazione speciale tra una madre e sua figlia autistica. Un viaggio di andata e ritorno nell’“altro mondo”. “Alcune madri sono, a mio avviso, madri da studiare: per le loro incredibili capacità di resurrezione. Perché a risorgere – mentre ancora si vive e quando, seppur ancora in vita, si è già morti - si impara. E si impara per contagio. Madri addolorate il cui dolore è stata la penultima parola: e che dunque si sono rialzate, trasfigurando il lutto in celebrazione e quella morte in apprendimento. Madri risorte, non nonostante il dolore ma proprio grazie ad esso. Perché prima di incontrarlo erano fragili come tante altre, col cuore che si sfalda come i biscotti al mattino nel latte. Madri che la disgrazia ha reso piene di grazia.”

Dettagli

“Madri è un piccolo gioiello. Semplice, delicato, intenso, profondo ed eccentrico. Proprio come la sua autrice.” Piero d’argento, consulente del welfare della regione puglia. Il racconto intenso e folgorante di una relazione speciale tra una madre e sua figlia autistica. Un viaggio di andata e ritorno nell’“altro mondo”. “Alcune madri sono, a mio avviso, madri da studiare: per le loro incredibili capacità di resurrezione. Perché a risorgere – mentre ancora si vive e quando, seppur ancora in vita, si è già morti - si impara. E si impara per contagio. Madri addolorate il cui dolore è stata la penultima parola: e che dunque si sono rialzate, trasfigurando il lutto in celebrazione e quella morte in apprendimento. Madri risorte, non nonostante il dolore ma proprio grazie ad esso. Perché prima di incontrarlo erano fragili come tante altre, col cuore che si sfalda come i biscotti al mattino nel latte. Madri che la disgrazia ha reso piene di grazia.”