Lavieri

Matera 21 settembre 1943

Autore Oliva Pino
Pagine 156
ISBN 9788896971246
DISPONIBILITA': 0 in magazzino

Stato: Non disponibile

€ 18,00

€ 15,30 (-15%)

In sintesi

Un’incredibile serie di vicende, accuratamente ricostruite dallo storico Francesco Ambrico e fumettate da Pino Oliva, catapulteranno il lettore negli eventi che insanguinarono Matera il 21 settembre 1943.

Dettagli

Approfittando del clima di grande confusione che imperversava nei giorni seguenti all’annuncio dell’armistizio dell’8 settembre, le forze armate tedesche riuscirono con estrema facilità ad attuare l’opera di disarmo delle locali unità militari italiane e a proseguire, indisturbati, le attività legate alla loro missione come la distruzione degli impianti ferroviari, la demolizione di ponti, l’interruzione di tratti stradali, la posa di mine lungo le principali vie di comunicazione. Purtroppo i militari tedeschi non si limitarono a compiere operazioni che, in un certo qual modo, rientravano in una logica militare ma, come dimostrato da diversi documenti d’archivio, perpetrarono, disonorevolmente, numerosi atti di spoliazione ai danni della popolazione civile. Tutto questo contribuì a creare un clima di forte tensione che esplose nei drammatici avvenimenti di Matera del 21 settembre 1943, il cui sanguinoso epilogo si materializzò nei brutali crimini di guerra compiuti dai soldati tedeschi in quella giornata e di cui questo libro racconta.

Biografia autore

Pino Oliva nasce a Matera il 4 agosto del 1965. Da sempre vocato alle arti visive, nonostante una laurea in giurisprudenza. Lavora da circa 30 anni nel mondo dell’immagine occupandosi di progetti grafici, arte, illustrazione, fumetti ed esponendo le sue opere in Italia e all’estero. Dal 2005 le sue più importanti esposizioni sono state a Siena per il “Premio Celeste” (menzione speciale), a Dubai, per la mostra di acquerelli a Le Rêve Dubai, a Valencia in occasione di Plot Art Europa e nel 2006 a Mumbay per “Spirited Cities and City Spirits” della Bajaj Art Gallery, a cura di Francesco Cascino e Primo Marella. Vive e lavora a Matera.