Memori

Oh, bimbe! Le ragazze di Adriana

Autore Graziella Falconi
ISBN 9788899105037
DISPONIBILITA': 0 in magazzino

Stato: Non disponibile

€ 19,50

€ 16,58 (-15%)

In sintesi

Chi è Adriana? "Chiamatemi Seroni sarò la tua sbirra". Così si diceva di lei negli anni Settanta, quando questa dirigente di carattere era responsabile delle donne del Partito comunista, in un decennio (1968-1978) cruciale per la storia del nostro Paese. Nel febbraio 2014 un nutrito numero di donne ha risposto all'invito della Fondazione Nilde Jotti per ricordare, in una sala della Camera dei Deputati, Adriana Seroni. Sono le sue collaboratrici, le sue ragazze, quelle che lei coccolava, rimbrottava, apostrofandole con un toscanissimo "Oh, bimbe!". Di undici di queste: Bianca Bracci Torsi, Anita Pasquali, Lalla Trupia, Livia Turco, Romana Bianchi, Isa Ferraguti, Alida Castelli, Grazia Labate, Pasqualina Napoletano, Silvana Dameri, Francesca Izzo viene raccontata la storia, prima e dopo la collaborazione con la Seroni, così da avere una ricostruzione di un periodo delle vicende del Paese e del PCI. Prefazione di Marianna Madia.

Dettagli

Chi è Adriana? "Chiamatemi Seroni sarò la tua sbirra". Così si diceva di lei negli anni Settanta, quando questa dirigente di carattere era responsabile delle donne del Partito comunista, in un decennio (1968-1978) cruciale per la storia del nostro Paese. Nel febbraio 2014 un nutrito numero di donne ha risposto all'invito della Fondazione Nilde Jotti per ricordare, in una sala della Camera dei Deputati, Adriana Seroni. Sono le sue collaboratrici, le sue ragazze, quelle che lei coccolava, rimbrottava, apostrofandole con un toscanissimo "Oh, bimbe!". Di undici di queste: Bianca Bracci Torsi, Anita Pasquali, Lalla Trupia, Livia Turco, Romana Bianchi, Isa Ferraguti, Alida Castelli, Grazia Labate, Pasqualina Napoletano, Silvana Dameri, Francesca Izzo viene raccontata la storia, prima e dopo la collaborazione con la Seroni, così da avere una ricostruzione di un periodo delle vicende del Paese e del PCI. Prefazione di Marianna Madia.