Arcana

The Alan Parsons project

Autore Francesco Ferrua
Pagine 334
ISBN 9788862317832
DISPONIBILITA': 0 in magazzino

Stato: Non disponibile

€ 23,50

€ 19,98 (-15%)

In sintesi

Il primo libro dedicato all’avventura musicale di Alan Parsons e Eric Woolfson Quella dell’Alan Parsons Project è una storia più unica che rara nel panorama musicale mondiale. Dieci album pubblicati tra il 1976 e il 1987, oltre cinquanta riconoscimenti tra dischi d’oro e di platino, più di quaranta milioni di copie vendute, citati anche dai Simpson e da Austin Powers. Eppure, ancora oggi, molti fanno fatica ad associare un volto alle due persone a cui il Project deve l’esistenza: Alan Parsons e Eric Woolfson. Frutto dell’idea del tutto originale di trasportare in musica il concetto di regista cinematografico per dar vita a un vero e proprio progetto nel quale la figura chiave fosse quella del produttore discografico, anziché del cantante o dei musicisti, l’Alan Parsons Project è riuscito a conquistarsi una grande fetta di pubblico e diventare negli anni una band di culto. Dieci concept album in equilibrio tra progressive rock, elettronica e pop, con testi a più piani di lettura in cui ognuno può trovare uno specchio freudiano in cui riflettersi, toccando l’apice del successo internazionale con quel Eye in the sky destinato a passare alla storia. In questo libro, primo assoluto sull’argomento, l’autore racconta in dettaglio ogni aspetto dell’affascinante avventura musicale condivisa da Parsons e Woolfson, tracciandone anche i rispettivi percorsi artistici prima e dopo il Project. Ampio spazio, dunque viene dato alla carriera di fonico e ingegnere del suono di Parsons, mago del mixer per The dark side of the moon dei Pink Floyd, e produttore di successo, così come a quella di Woolfson, abile pianista e compositore dotato anche di un notevole senso per gli affari. Attraverso la voce degli stessi protagonisti, grazie a un accurato lavoro di ricerca nel vasto corpo delle interviste apparse nei vari decenni, il libro racconta un pezzo importante, ma poco conosciuto, della recente storia del pop.

Dettagli

Il primo libro dedicato all’avventura musicale di Alan Parsons e Eric Woolfson Quella dell’Alan Parsons Project è una storia più unica che rara nel panorama musicale mondiale. Dieci album pubblicati tra il 1976 e il 1987, oltre cinquanta riconoscimenti tra dischi d’oro e di platino, più di quaranta milioni di copie vendute, citati anche dai Simpson e da Austin Powers. Eppure, ancora oggi, molti fanno fatica ad associare un volto alle due persone a cui il Project deve l’esistenza: Alan Parsons e Eric Woolfson. Frutto dell’idea del tutto originale di trasportare in musica il concetto di regista cinematografico per dar vita a un vero e proprio progetto nel quale la figura chiave fosse quella del produttore discografico, anziché del cantante o dei musicisti, l’Alan Parsons Project è riuscito a conquistarsi una grande fetta di pubblico e diventare negli anni una band di culto. Dieci concept album in equilibrio tra progressive rock, elettronica e pop, con testi a più piani di lettura in cui ognuno può trovare uno specchio freudiano in cui riflettersi, toccando l’apice del successo internazionale con quel Eye in the sky destinato a passare alla storia. In questo libro, primo assoluto sull’argomento, l’autore racconta in dettaglio ogni aspetto dell’affascinante avventura musicale condivisa da Parsons e Woolfson, tracciandone anche i rispettivi percorsi artistici prima e dopo il Project. Ampio spazio, dunque viene dato alla carriera di fonico e ingegnere del suono di Parsons, mago del mixer per The dark side of the moon dei Pink Floyd, e produttore di successo, così come a quella di Woolfson, abile pianista e compositore dotato anche di un notevole senso per gli affari. Attraverso la voce degli stessi protagonisti, grazie a un accurato lavoro di ricerca nel vasto corpo delle interviste apparse nei vari decenni, il libro racconta un pezzo importante, ma poco conosciuto, della recente storia del pop.