Manni

The Writers Method

Da Hemingway a Marlon Brando: la costruzione dei personaggi letterari con il Metodo Stanislavskij

Autore Roma Angelo
Lingua Italiano
Pagine 216
ISBN  9788862662741
DISPONIBILITA': 0 in magazzino

Stato: Non disponibile

€ 16,00

€ 13,60 (-15%)

In sintesi

La scrittura creativa basa la propria forza sulla potenza evocativa del linguaggio.

Dettagli

Il manuale di scrittura creativa che introduce il Metodo Stanislavskij e le tecniche di immedesimazione nella costruzione della narrazione e dei personaggi letterari La letteratura, così come la recitazione secondo il Metodo Stanislavskij è, prima di ogni altra cosa, dedizione. Studio, ricerca, esperienza, introspezione, curiosità. Poi c’è il talento, quella scintilla di genialità che fa la differenza. Se la letteratura non tocca il lettore, non ne infiamma le passioni, non ne fulmina la coscienza, non ne riempie la pancia, non lo sporca con la terra bagnata da un acquazzone, se non lo trasporta fisicamente dentro il narrato, allora non è letteratura. La scrittura creativa basa la propria forza sulla potenza evocativa del linguaggio. Attraverso un ispirato utilizzo delle parole, infatti, il narratore scolpisce nella pietra il proprio appassionato messaggio. Per Angelo Roma è fondamentale il giusto equilibrio tra istinto e tecnica, perché nella letteratura, come nella vita, quello che occorre è l’impasto di pancia, cuore e razionalità. E per arrivare a questa combinazione si devono saper maneggiare alcuni strumenti: dalla punteggiatura alla psicologia, dalla scelta della voce narrante ai colpi di scena, l’autore svela tecniche e segreti della scrittura, accorgimenti da prendere, errori da evitare. Soprattutto, spiega come applicare il Metodo Stanislavskij alla costruzione dei personaggi: come Marlon Brando si calava nel ruolo di Stanley Kowalski fino a diventare Stanley Kowalski, così lo scrittore deve entrare nel personaggio che racconta fino a sentire ciò che lui sente, fino a pensare ciò che lui pensa. In altre parole, non si deve fingere. Come fa Hemingway. Scrive Filippo La Porta nella Nota introduttiva: “In questo manuale Angelo Roma delinea i lineamenti di una poetica probabilmente più eversiva di quello che pensa: una poetica che mette in discussione l’idea stessa di letteratura come finzione, come fiction.”