Interno4 Edizioni

Dal lavoro alla cura

Risanare la Terra per guarire insieme

Autore Guido Viale
Pagine 120
DISPONIBILITA': 9 in magazzino

Stato: Disponibile

€ 9,00
O

In sintesi

È la cooperazione che precede lo scambio, cioè il mercato, e lo rende possibile.
Il mito dell’homo economicus è nato dalla separazione di natura e cultura che nell’era moderna, cioè con il capitalismo, ha contrapposto la potenza trasformatrice all’inerzia di tutto ciò che non è soggetto, spirito, dominio: il mondo inanimato ma anche le donne, considerate incapaci di distaccarsi dalla natura, i popoli “selvaggi”, le masse popolari, i lavoratori. Il lavoro è sempre stato vissuto e considerato come una condanna e confinato a una condizione servile.
La dignità del lavoro, rivendicata dal movimento operaio, non è che il frutto di uno slittamento semantico: si dice lavoro, ma si parla di lavoratori e lavoratrici, persone. Non c’è alcuna dignità nel rivendicare il lavoro che produce degrado, inquinamento, malattie. La dignità del lavoro è solo quella che produce benessere per gli esseri umani, il vivente, l’ambiente, cioè il lavoro di cura.
Chiudere con l’antropocentrismo, rimettere al centro il rapporto tra l’essere umano e il suo mondo significa riscoprire la natura dentro e fuori di noi.
Leggi la scheda

Leggi l'estratto